Vorrei…ma non posso!

Ecco cosa rispondere alle richieste di chi vorrebbe sfruttarti

Pensi solo a te stesso e ai tuoi interessi o, al contrario vivi per aiutare e soddisfare gli altri? Sappi che, in entrambi i casi, non fai il tuo bene. Sei solo…egoista!

CHE COS’E’ L’EGOISMO?
E’ un comportamento innato che si sviluppa, più o meno, a seconda dell’educazione, dell’esperienza e delle caratteristiche personali. E’ associato all’istinto di sopravvivenza: l’uomo preistorico, per esempio, se non pensava a se stesso rischiava di morire di fame o di essere ucciso. In altre parole, l’egoismo è funzionale all’esistenza.

C’E’ QUELLO MANIFESTO E QUELLO MASCHERATO
Ci sono due tipi di egoismo, uno più scoperto e raro e uno più difficile da notare perché si traveste da altruismo: sono posizioni molto rigide che stanno all’opposto.
Nell’egoismo manifesto la persona pensa solo a se stessa e al suo tornaconto, si comporta come se gli altri non esistessero.
E poi c’è l’egoismo mascherato, decisamente più frequente.
In questo caso si mette da parte se stessi pur di soddisfare le richieste e i bisogni degli altri, ma anche questo comportamento lo si mette in atto per un preciso tornaconto personale.
Per paura della solitudine, per sentirsi importanti, per essere al centro dell’attenzione, per non sentirsi in colpa. E così facendo non si fa altro che accumulare rabbia e stress.

IL SANO EGOISMO
Per stare bene con se stessi e anche con tutti gli altri, bisognerebbe invece trovare una giusta via di mezzo. E questo vuol dire praticare il sano egoismo: sano perché fa bene a tutti in quanto giusto equilibrio tra i bisogni personali e quelli degli altri.
Come si fa a mettere in atto tutto questo?
Basta dire di si se si ha voglia di fare qualcosa e dire di no, senza per questo sentirsi in colpa, se non si ritiene giusto farlo.

IMPARA L’ARTE DI DIRE DI NO
Di fronte da una richiesta che non si ha voglia di soddisfare basta dire “vorrei, ma non posso” dando, eventualmente, un’alternativa.
Ecco qualche esempio:

  • Il collega antipatico: continua a proporti di uscire a pranzo con lui? Invece di dirgli di no bruscamente o di andarci per tornare nevrastenico e con il mal di testa, potresti rispondergli che lo faresti volentieri ma che in quel periodo sei troppo incasinato e che appena ti liberi glielo farai sapere.
  • Tuo figlio: continua ad assillarti perché vuole che gli compri l’ultimo modello di smartphone? Invece di correre a prenderglielo per paura che poi “non ti voglia più bene”, digli che lo farai sicuramente, ma solo quando quello che ha non funzionerà più.
  • Tua madre: con una scusa o l’altra ti vorrebbe a cena ogni sera? Dille che ti dispiace ma che non puoi più farlo, scegli due sere alla settimana in cui vederla e…obbliga anche tuo fratello assenteista a passare del tempo con lei.
  • I tuoi amici: tutte le volte che uscite vogliono usare la tua macchina? La prossima volta fai finta di essere rimasto senza benzina e fatti scorrazzare da loro.
  • La tua compagna: ogni volta che devi vedere i tuoi amici ti propone qualcosa di “speciale”? Non cedere alle sue lusinghe e…comunicale in anticipo i tuoi impegni.

Questi sopra sono solo alcuni esempi, probabilmente anche banali, ma il succo del discorso è…impara ogni tanto a dire di no ed a pensare a te stesso! Per esperienza personale ti assicuro che ne guadagnerai in salute, fidati!

Bene anche oggi siamo giunti alla fine, spero l’articolo possa risultare utile, alla prossima!

Sciauuuzzz!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...