L’edge a Poker

Penso che quando una persona si siede in un qualsiasi tavolo da poker con la ferma intenzione di vincere (escludendo quindi i casi in cui lo si fa per puro passatempo) debba valutare con buona approssimazione il proprio margine sugli avversari. Insomma, se mi siedo perché dovrei aspettarmi di vincere?Le ragioni sono molteplici e in questo post elenco alcune considerazioni personali, sperando di sentire le vostre opinioni. Per fare questo farò una distinzione schematica, magari incompleta e che può sembrare banale, ma che alla luce delle mie esperienze ho trovato molto utile. Aggressività Notoriamente, nel poker l’aggressività è un valore … Continua a leggere L’edge a Poker

Limiti della percezione

Guardate attentamente l’immagine qui sopra: sembra una normale scacchiera, dove tutti i riquadri riportano, come di consueto, un’alternanza tra bianco e nero. Spiacente di deludervi, ma non è così, perché le caselle segnalate con le lettere A e B, seppur vi sembrino totalmente diverse, sono in realtà dello stesso colore!
Stentate a crederci? Provate a stampare l’immagine e ritagliarla per avere la prova che il vostro cervello spesso può giocarvi brutti scherzi!

Continua a leggere “Limiti della percezione”

Quando conviene rompere il mouse?

Tommy Angelo è un famoso professional poker player e coach statunitense che può vantare di aver formato giocatori del calibro di Phil Galfond, David Benefield e Jeff Williams. La sua figura, però, va ben oltre il classico giocatore di poker: Tommy è autore di libri sul poker particolarmente incentrati sulla psicologia, fattore che ha contribuito ad accrescere la sua fama di mental coach. E’ la sua famosa enunciazione di un’interessante teoria riguardo il tilt: secondo Tommy Angelo rompere il mouse può essere una scelta con valore atteso positivo.

Continua a leggere “Quando conviene rompere il mouse?”